L’IZS della Sicilia ed i laboratori della “Blue Economy” | Nuove Rotte BLUE ECONOMY” – Linea Intervento 5.1.1.1.- 5.1.1.2 - News - Centro di Competenza Distrettuale

Vai ai contenuti

Menu principale:

L’IZS della Sicilia ed i laboratori della “Blue Economy” | Nuove Rotte BLUE ECONOMY” – Linea Intervento 5.1.1.1.- 5.1.1.2

Pubblicato da Centro di Competenza in Le News del Centro di Competenza · 1/4/2015 18:54:30
Tags: NuoveRotteBlueEconomyIstitutoZooprofilatticoSiciliaCalogeroDiBella




Nell’ambito del Progetto “Nuove Rotte BLUE ECONOMY” – Linea Intervento 5.1.1.1.- 5.1.1.2. – P.O. FERS Sicilia 2007/2013, sono attivi 10 laboratori del Centro di Certificazione e Prova e dei servizi offerti alle aziende del Distretto e della filiera ittica. l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia “A. Mirri” di Palermo è fra gli Enti scientifici impegnati ad elaborare innovazioni da fornire alle aziende, si tratta di best practices ispirate ai principi della Blue Economy.  

Il Dott. Calogero Di Bella (in foto), Dirigente Veterinario dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia “A. Mirri”, nonchè Direttore dell'Area di Sorveglianza Epidemiologica, ha descritto i tre laboratori operanti presso lo stesso Istituto nell’ambito del Progetto.

  1.    Certificazione delle produzioni di qualità. Attraverso  la  creazione  di  un  disciplinare  di  produzione  per  i  prodotti  della  filiera  che  si  riterranno opportuno certificare, avviando al contempo la procedura per il riconoscimento dei marchi D.O.P. da parte della Comunità europea.

  2.       Tracciabilità, rintracciabilità e sicurezza alimentare. Questa attività  si  svolge  mediante  il  supporto  alle  aziende  del  Distretto  per  riorganizzare  i  propri processi  produttivi  verso  standard  di  qualità  che  siano  certificabili  ISO  22000  e/o  ISO  22005    o eventualmente interessate anche a certificazioni di livello “inferiore” (p.es. ISO 9001 e ISO 14001).
3.      3.  Certificazioni per i mercati esteri. Questo laboratorio ha come scopo quello di offrire un supporto per ottenere certificazioni necessarie per le  esportazioni  in  alcuni  paesi,  quali  BRC  (British  Retail  Consortium)  e  IFS  (International  Food Standard).

I laboratori sono a disposizione alle aziende associate al Distretto, che  possono richiedere di usufruirne in modalità del tutto gratuita, mediante il Centro di Competenza Distrettuale ( centrodicompetenza@gmail.com ).
“Il Centro di Certificazione e Prova –ha spiegato il dott. Giuseppe Barbera dell’IZS di Palermo, responsabile di uno dei 10 laboratori- può essere considerato una grande officina dove le aziende aderenti al Distretto possono rivolgersi per ottenere una serie di servizi e consulenze per: la valorizzazione dei prodotti con il riconoscimento della loro qualità, la eco-sostenibilità della pesca, la certificazione delle aziende per la loro competizione in mercati esteri. Questi processi e le attività dei laboratori seguono –ha sottolineato-  rigorosamente i principi della Blue Economy, la filosofia produttiva che danni viene propugnata dal Distretto della Pesca e che guarda alla salvaguardia e alla rigenerazione delle risorse e la loro utilizzazione responsabile”.




Torna ai contenuti | Torna al menu