Linee di intervento - Centro di Competenza Distrettuale

Vai ai contenuti

Menu principale:

Linee di intervento

Piano di Filiera

Nel bando "Piani di sviluppo di filiera" di cui al P.O. FESR Sicilia 2007/2013, approvato dalla Commissione europea con decisione C(2007) 4249 del 7 settembre 2007, l'obiettivo operativo 5.1.1.
Il bando indica che “scopo precipuo del Piano di Sviluppo di Filiera […] è consentire all'estensore di riflettere a fondo sui vari aspetti del distretto” e prevede di:

- Sostenere lo sviluppo e il rafforzamento del Distretto attraverso azioni di realizzazione di servizi comuni (promozione, marketing, logistica, servizi informativi, certificazione ambientale e di origine prodotti, rapporti con la P.A., ecc), volti a superare deficit conoscitivi e relazionali (a valere sulla misura 5.1.1.1.);

- Rafforzare il sistema produttivo del Distretto esistente, migliorando il livello di competitività delle singole imprese, con l’adozione di innovazioni tecnologiche ed organizzative e la qualificazione del capitale umano (a valere sulla misura 5.1.1.2).

- 5.1.1.1 Azioni di realizzazione di servizi comuni


  • Centro di certificazione e prova  (realizzazione di un centro di certificazione finalizzato all'istituzione di un sistema di tracciabilità del prodotto e alla gestione del marchio di filiera)

  • Partecipazione a fiere

  • Servizio di general management (prevede il supporto alle funzioni aziendali, al potenziamento delle attuali aree di business, alla creazione di nuove aree, al management aziendale allo scopo di garantire l'aumento della competitività)

  • Formazione specifica (realizzazione di uno specifico piano di formazione aziendale in favore delle imprese partecipanti)

  • Servizio di consulenza informatica (servizio finalizzato alla gestione degli scambi informativi e la messa in rete e integrazione dei diversi sistemi)



- 5.1.1.2 Azioni innovative a sostegno delle imprese
appartenenti a filiere produttive o a gruppi di imprese.


  • Ricerca e analisi della Filiera ittica e sviluppo di Asset tecnologici strategici per erogazione di servizi integrati (IAMC-CNR)

  • Proposte di valorizzazione di specie massive per il rilancio del prodotto “fresco” in provincia di agrigento (IZS/IAMC-CNR)

  • Tutela e valorizzazione dei prodotti ittici freschi, di allevamento e trasformati (IZS/IAMC-CNR)

  • Nuove strade per la pesca (ISA-CNR)



Il Piano portato avanti  dal Centro di Competenz Distrettuale e dal  Distretto Produttivo della Pesca, intende rispondere a queste due linee di intervento, sulla base delle indicazioni fissate dall'"Osservatorio della Pesca del Mediterraneo", organismo di supporto tecnico-scientifico del Distretto, riconosciuto dalla Regione Siciliana con l'art. 7 della legge 20 novembre 2008, n. 16, che gli ha assegnato il compito di "attivare studi in materia di innovazione, internazionalizzazione, mercato, finanza di distretto e dell'ambiente marino a supporto del sistema delle imprese della filiera ittica e dell'Amministrazione regionale e redigere il Rapporto annuale della pesca e dell'acquacoltura" e che ha rappresentato nel corso di questi anni un importante interfaccia tra ricerca e innovazione nell'obiettivo e in favore delle imprese.
Il Cosvap ha coinvolto l'ISA-CNR (Istituto di Scienze dell'Alimentazione-Avellino), l'IZPS (Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia), lo IAMC CNR - Unità di Capo Granitola,   l'Università di Palermo tramite suoi Dipartimenti, l'Università di Palermo tramite suoi Dipartimenti.

Il progetto, sviluppato secondo questa logica, si propone pertanto l'obiettivo di fornire un supporto alle imprese mediante l'approccio sviluppato nell'ambito delle attività dell'Osservatorio, ed è sostanzialmente composto da due piani specifici Piano integrato dei servizi comuni e Piano degli investimenti innovativi.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu